fun

[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 18/07/2024

Sezione Stazione appaltante

Comune di Genova
GAGGERO ANGELA ILARIA

Sezione Dati generali

GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA TELEMATICA PER LAFFIDAMENTO DI CONTRATTI PUBBLICI DI SERVIZI DI PULIZIA AUTOBUS E MANOVRA, PULIZIA RIMESSE, METROPOLITANA, FERROVIA GENOVA CASELLA, IMPIANTI DI RISALITA, UFFICI DIREZIONE, BIGLIETTERIE, CRAL, MAGAZZINO CENTRALE, CHIOSCHI, SOTTOSTAZIONI FILOVIARIE E ALTRI SITI DI AMT - CIG : B1A3767E49
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
6.029.195,00 €
13.264.229,00 €
14/05/2024
31/07/2024 entro le 12:00

Sottosezione Scadenze precedenti alla rettifica

Data scadenza Ora scadenza Data e ora operazione rettifica
08/07/2024 12:00 05/07/2024 10:09:01
18/06/2024 12:00 17/06/2024 09:42:54
21/07/2024
25/07/2024
G02825
In corso

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta tecnica
  • Lista prodotti e macchinari conformi ai CAM
  • CERTIFICAZIONI OPZIONALI
  • RELAZIONE TECNICA - DESCRITTIVA SERVIZI ESEGUITI ULTIMI 3 ANNI
  • PROGETTO ASSORBIMENTO PERSONALE
  • DICHIARAZIONE EQUIVALENZA E COPIA CCNL APPLICATO
  • DICHIARAZIONE RISERVATEZZA E COPIA RELAZIONE OSCURATA ALLEGATI COMPRESI
Busta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 18/07/2024
    R: Richiesta chiarimenti - -DOMANDA: si chiedono spiegazioni per la compilazione del modello offerta economica, e più precisamente dove e come riportare il valore economico del presidio indicato nelle Specifiche Tecniche Sezione 5 Pulizia Aree Aziendali pagina 8. Nel modello di offerta economica nella Sezione 5 tabella 5.A.1) Pulizia complesso Direzionale AMT, vengono riportate tutte le voci presenti all'interno della tabella di pagina 8, capitolo 5-A)1.1.1. Aree Aziendali DIREZIONE delle Specifiche Tecniche Sezione 5 Pulizia Aree Aziendali, ma non viene specificato a quale indirizzo associare il presidio. -RISPOSTA: L'attività di presidio indicata in Specifica tecnica Sezione 5 sottosezione A pag.16, è da intendersi compresa all'interno delle singole voci della tabella riportata a pag. 18 del Modulo Offerta Sezione 5, al punto: 5.A.1) Pulizia complesso Direzione AMT. Dovrà essere pertanto espressa attraverso il canone mensile di riferimento di ogni singola attività di pulizia, poiché il presidio è da intendersi attività sinergica a quella di pulizia; in effetti viene riportato al punto 5-A) 4.1.2 della Specifica tecnica di riferimento: Le prestazioni di pulizia giornaliera comprendono le seguenti attività: punto 6) presidio giornaliero (dal lunedì al venerdì escluse festività infrasettimanali) in Direzione dalle ore 9.00 alle ore 12.00 + dalle ore 13:00 alle ore 16:00. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 18/07/2024
    R: Chiarimento ulteriore - pagine - -DOMANDA: si chiede conferma di quanto già chiarito nel primo chiarimento, pubblicato il giorno 15/05/2024, e alla luce del quale i concorrenti hanno già redatto le loro offerte. Confermate che la relazione tecnica debba essere contenuta in massimo 100 facciate (ossia 50 pagine fronte/retro)? Tale richiesta sorge dalla Vostra risposta al chiarimento pubblicato il giorno 2 luglio in cui un concorrente cita 50 facciate. Nella Vostra risposta confermate che l'indicazione di 50 facciate fronte/retro sia un refuso e che volevate invece intendere, come indicato in Disciplinare all'art 16 lett. A), n. 50 PAGINE F/R le quali corrispondono a 100 facciate solo fronte (come chiarito al citato chiarimento del 15 maggio). Analoga considerazione, come già chiarito nella citata FAQ del 15 maggio, viene fatta per la Relazione tecnica sui servizi analoghi, che deve essere contenuta in 30 facciate solo fronte (corrispondenti alle 15 PAGINE F/R indicate in Disciplinare). -RISPOSTA: La relazione tecnica deve essere strutturata come indicato chiaramente all'art.16 lett. a) del disciplinare di gara: indicativamente n. 50 pagine (F/R), ovvero 100 facciate. Facciata = superficie frontale di un foglio. La copertina e l'indice sono esclusi. ll RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 04/07/2024
    R: aggiornamento nuova data scadenza - DOMANDA: a seguito di ulteriore proroga concessa in data 02 c.m. Vi chiediamo di aggiornare la data del termine di scadenza di invio offerta nei Dati generali a portale. - RISPOSTA: la data sarà aggiornata automaticamente al momento della pubblicazione della rettifica da parte di ANAC, attualmente in corso.
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: RICHIESTA DI PROROGA TERMINI - DOMANDA: Con la presente, si richiede una ulteriore proroga per la partecipazione alla gara pubblica relativa all'affidamento dei servizi di pulizia autobus e manovra, pulizia rimesse, Metropolitana, Ferrovia Genova Casella, impianti di risalita, ecc., indetta con determinazione dirigenziale n. 2312 del 13.05.2024.Tra i requisiti indicati nel disciplinare di gara, la Stazione Appaltante richiede infatti il possesso della certificazione "ASSE.CO" (Asseverazione di conformità dei rapporti di lavoro alla normativa retributiva, contributiva), nel rispetto dei canoni previsti dalla normativa UNI CEI EN ISO/IEC 17021-1:2015. Si evidenzia che il possesso di tale requisito attribuisce ben due punti all'offerta tecnica, su un massimo di ottanta assegnabili (visto che l'offerta economica ha un peso finale di soli venti punti); ciò rende la certificazione ASSE.CO un elemento determinante per la valutazione delle offerte. Tale asseverazione costituisce una novità tra i requisiti di partecipazione ad una gara pubblica e non constano alla scrivente Società precedenti gare pubbliche nazionali ove la Stazione Appaltante ne ha richiesto il possesso. Essa è prevista e disciplinata dal Protocollo d'Intesa stipulato tra Ispettorato Nazionale del Lavoro e Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro in data 04 marzo 2016, documento poi ratificato a livello territoriale dal Comune di Genova con l'Ordine Provinciale dei Consulenti del Lavoro. L'unico Ente abilitato a rilasciare l'asseverazione in esame è per l'appunto il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro. La nostra Società ha prontamente richiesto al Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro informazioni circa i tempi e le modalità per conseguire tale certificazione. Tuttavia, ci è stato riferito che il Consiglio si riunirà in data 12 luglio 2024, prima data utile per esaminare le eventuali richieste, senza fornire alcuna certezza circa un pronunciamento tempestivo entro il termine ultimo fissato dalla Vostra Spett.le Stazione Appaltante, ovvero la data dell'08 luglio 2024.Alla luce di quanto sopra esposto, e considerando la complessità e la novità del requisito richiesto, si chiede una ulteriore proroga non inferiore a trenta giorni per la presentazione delle offerte. Tale proroga è richiesta anche al fine di garantire i principi di libera concorrenza, massima partecipazione, non discriminazione, correttezza ed efficacia dell'azione amministrativa, permettendo così ai concorrenti di ottenere e presentare la documentazione richiesta in modo completo e conforme. - RISPOSTA: Si concede una proroga con scadenze delle offerte al 31.07.2024. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: Richiesta ulteriore proroga - DOMANDA: con riferimento alla gara in oggetto, rispettosamente si segnala la necessità di una ulteriore proroga di almeno n. 15 giorni del termine ultimo di presentazione delle offerte, per le motivazioni che seguono. Codesta Stazione Appaltante ha ritenuto di inserire, tra i criteri premiali, la certificazione Asse.co.. Immediatamente questa società, ritenendo di possedere i requisiti per il relativo conseguimento, si è attivata per la formale acquisizione della stessa, così da non perdere in partenza i n. 2 punti attribuiti a detto criterio, il che, a parità di risultato relativamente agli altri criteri, avrebbe con certezza comportato l'annullamento di ogni chance di aggiudicazione. E agevole verificare come la certificazione in questione non risulti particolarmente popolare tra le imprese del settore, essendo infatti posseduta da pochissime di esse. Soprattutto, però, i tempi legati alla relativa acquisizione, pur in presenza dei requisiti e prerogative richiesti, non è particolarmente celere, attesa, una volta predisposta la documentazione del caso, la necessità di aspettare che si riunisca il consesso deputato all'esame delle istanze pervenute. Ciò detto, essendo certamente interesse di codesta Stazione Appaltante ampliare la platea dei concorrenti in possesso dei requisiti premiali, onde favorire un più vivo confronto concorrenziale, a beneficio dell'individuazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa, si insiste nella richiesta di ulteriore proroga del termine ultimo di partecipazione. - RISPOSTA: Si concede una proroga con scadenze delle offerte al 31.07.2024. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: Richiesta chiarimenti - DOMANDA: con la presente siamo a richiedere cosa si intende per: elenco dei prodotti ausiliari per l'igiene indicato a pagina 27 del Disciplinare di Gara. - RISPOSTA: Si faccia riferimento al Decreto Ministeriale del 29.01.2021 emanato dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, modificato con Decreto Correttivo 24 settembre 2021 del Ministero della Transizione ecologica, recante criteri ambientali minimi per l'affidamento del servizio di pulizia e sanificazione di edifici e ambienti ad uso civile, sanitario e per i prodotti detergenti. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: Richiesta chiarimenti - DOMANDA: con la presente siamo a richiedere spiegazioni in quanto nel Disciplinare di gara a pagina 27 al punto 16 Offerta Tecnica vengono indicate le seguenti voci: 1. lista completa dei detergenti da utilizzare nelle pulizie ordinarie con tutte le informazioni previste all'art 4.9 del capitolato d'oneri (non oggetto di valutazione) 2. lista completa dei detergenti per impieghi specifici per le pulizie periodiche e straordinarie con tutte le informazioni previste allart.4.9 del capitolato d'oneri (non oggetto di valutazione) 3. elenco completo delle macchine che il concorrente intende utilizzare con tutte le informazioni previste all'art. 4.9 del capitolato d'oneri (non oggetto di valutazione); 4. elenco dei prodotti ausiliari per l'igiene completo delle schede tecniche e informazioni necessarie per le verifiche documentali di cui all'art. 4.9 del capitolato d'oneri (non oggetto di valutazione)Ecc. In tutte le voci sopra esposte si fa riferimento a creare una lista completa di prodotti riportando tutte le informazioni previste all'art. 4.9 del capitolato d'oneri, ma nel capitolato d'oneri all'art 4.9 è presente la seguente sezione: Impiego di personale non dipendente. - RISPOSTA: Il rimando allart.4.9 è un refuso ed è corretto fare riferimento all'art. 4.10.2 del Capitolato Oneri. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: Richiesta chiarimenti - DOMANDA: con la presente siamo a richiedere conferma della seguente dichiarazione: 1. lista completa dei detergenti da utilizzare nelle pulizie ordinarie con tutte le informazioni previste all'art 4.9 del capitolato d'oneri (non oggetto di valutazione) 2. lista completa dei detergenti per impieghi specifici per le pulizie periodiche e straordinarie con tutte le informazioni previste allart.4.9 del capitolato d'oneri (non oggetto di valutazione) 3. elenco completo delle macchine che il concorrente intende utilizzare con tutte le informazioni previste all'art. 4.9 del capitolato d'oneri (non oggetto di valutazione) 7. licenza d'uso del marchio di qualità ecologica Ecolabel (UE) (se trattasi di azienda che ne è in possesso), in base a quanto previsto all'art. 4.9 del capitolato d'oneri in materia di formazione del personale addetto al servizio. Come da elenco sopra riportato è giusto pensare che tali elenchi non sono oggetto di valutazione e quindi non viene assegnato nessun punto tabellare o discrezionale? - RISPOSTA: Si conferma. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: Richiesta chiarimenti - DOMANDA 1: Con la presente siamo a richiedere spiegazioni in merito a: CAM premianti opzionali -subcriterio 8.1: CAM per prodotti in tessuto carta per l'igiene personale (valutazione T - punti 2) riportato a pagina 27 del Disciplinare di gara-subcriterio 8.2: CAM dei detergenti per l'igiene personale (valutazione T punti 2) riportato a pagina 28 del Disciplinare di gara. All'interno della tabella 18.1 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLOFFERTA TECNICA, a pagina 32 vengono riportati 3 punti tabellari per ciascuna voce sopra elencata. Quale valore è corretto attribuire ai 2 fattori opzionali premianti? - RISPOSTA: Il valore corretto da attribuire al subcriterio 8.1 e 8.2 sono 3 punti cadauno, pertanto l'indicazione Valutazione T - 2 punti è da intendersi non corretta e da sostituirsi con 3 punti. - DOMANDA 2: Le tabelle relative da compilare per i CAM premianti opzionali che contengono lista completa dei prodotti offerti riportando la denominazione o la ragione sociale del fabbricante, la denominazione commerciale dei prodotti e le etichette ambientali UNI EN ISO 14024 possedute sono da considerare dentro le 50 facciate indicate per l'offerta tecnica? - RISPOSTA: Il documento denominato CAM Allegato contenente lista prodotti e macchinari conformi ai CAM di cui al punto 16.b) del disciplinare di gara, nonché le tabelle di cui ai CAM premianti opzionali, subcriteri 8.1 e 8.2 sono escluse dalle 50 facciate F/R della relazione tecnica descrittiva dei servizi offerti, di cui al punto 16 a) del disciplinare. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: Richiesta chiarimenti - DOMANDA: con la presente siamo a richiedere se l'interpretazione data è corretta. -1-A) 5.1.1. Attività di spolveratura ad umido da eseguire con frequenza 3 volte a settimana. Numero minimo giornaliero di autobus da sottoporre a tale servizio è (Periodo invernale Gavette):((159 Autobus per Gavette + 58 Autobus per Staglieno)/2)x1,1= 119,35 autobus da trattare giornalmente con il servizio di spolveratura ad umido da domenica notte a venerdì notte-1-A) 5.1.3. Pulizia Giornaliera degli autobus Numero minimo giornaliero di autobus da sottoporre a tale servizio è (Periodo invernale Gavette):159 Autobus feriale maggiorato del 10% = 174,9 autobus da trattare nei giorni feriali 100 Autobus sabato maggiorato del 10% = 110 autobus da trattare i sabato 62 Autobus festivo maggiorato del 10% = 68,2 autobus da trattare nei giorni festivi. - RISPOSTA: Si conferma la metodologia di calcolo. Si precisa tuttavia che il parco mezzi per ogni rimessa è soggetto a cambiamenti sia per variazioni di servizio sia per l'avvio di cantieri 4 assi. Come indicato al punto 1-A)1.1 ogni variazione significativa sarà preceduta da riunioni tecniche durante le quali AMT fornirà al Soggetto Aggiudicatario la nuova distribuzione dei bus ed il nuovo piano impegno vetture (PIV) per ogni rimessa. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 02/07/2024
    R: Richiesta chiarimenti - DOMANDA: con la presente siamo a richiedere conferma dell'interpretazione riportata. Come da ultimi chiarimenti pubblicati, è giusto considerare che per svolgere l'intero servizio sono necessarie 250.000 ore anno comprese tutte le ore di interventi a richiesta e tutte le ore indicate per le attività di manovra più attività accessorie e prestazioni 4 Assi come da elenco sotto riportato nel dettaglio: Sezione 1 Sottosezione A-Servizi lavaggio pavimenti su richiesta per un monte totale di 4.000 ore/anno Sezione 1 Sottosezione B-Servizio di pulizia straordinaria su richiesta per un totale di 2.000 ore/anno Sezione 1 Sottosezione C-Attività di manovra + attività accessorie per un totale di 90.050 ore/anno Sezione 1 Sottosezione C Manovra-Prestazioni 4 Assi per un totale di 50.000 ore/anno Sezione 2 Sottosezione A-Servizio di intervento a chiamata per pulizia straordinaria per un totale di 1.000 ore/anno-Sezione 2 Sottosezione B-Prestazioni pulizia Urgenti sulle vetture per un totale di 1.000 ore/anno-Prestazioni per pulizia straordinaria per un totale di 1.000 ore/anno Sezione 3 Sottosezione A-Servizio a chiamata per pulizia straordinaria per un totale di 500 ore/anno-Servizio a chiamata per pulizia urgente per un totale di 500 ore/anno-Interventi mirati di derattizzazione e disinfestazione a chiamata per un totale di 50 ore/anno Sezione 4 Sottosezione A-Servizio di intervento a chiamata per pulizia straordinaria per totale di 500 ore/anno-Servizio di intervento a chiamata per pulizia urgente per un totale di 500 ore/anno-Servizio di derattizzazione e disinfestazione a chiamata per un totale di 30 ore/anno Sezione 5 Sottosezione A-Servizio di intervento a chiamata per pulizia straordinaria per un totale di 150 ore/anno-Servizio di intervento a chiamata per pulizia urgente per un totale di 100 ore/anno-Servizio di derattizzazione e disinfestazione a chiamata per un totale di 50 ore/anno. - RISPOSTA: Si conferma. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 27/06/2024
    R: richiesta chiarimento - DOMANDA: Nel modello offerta economica a pagina 3 viene richiesto il costo unitario per intervento su tipologia dimensionale di autobus di vari servizi, tra i quali quello di pulizia sottotelaio e pezzi sciolti. Nella specifica tecnica sezione 1 sottosezione A per tale servizio è richiesto un presidio giornaliero e non è indicata né una quantità minima annua di pezzi da pulire né una frequenza minima di intervento per ciascun autobus. Di conseguenza si chiede fornire gli elementi mancanti necessari ad una quotazione di dettaglio (quale ad esempio una quantità annua di interventi) o, in alternativa, di stralciare tale richiesta dal modello di offerta economica. - RISPOSTA: Per quanto riguarda la compilazione relativa al costo unitario della pulizia sottotelaio e pezzi sciolti nella sezione Informazioni Integrative che si trova nell'offerta economica, questa l'informazione necessaria : ipotizzare che tutto il parco debba essere sottoposto all'attività di lavaggio telaio e pezzi sciolti per 6 volte all'anno. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 27/06/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTI - DOMANDA 1: Chiediamo conferma, come indicato a pag. 9 del Capitolato d'oneri, che durante il 2024-2025 ci sarà la completa transizione da termico ad elettrico e che di conseguenza le attività di rifornimento gasolio non saranno più previste; - RISPOSTA 1: Non si conferma, il passaggio da termico ad elettrico sarà lungo e graduale, certamente non si esaurirà entro il 2025, pertanto le attività di rifornimento gasolio, seppure in forma ridotta, continueranno. Le modifiche saranno condivise con il Soggetto aggiudicatario nel corso della riunione di coordinamento prevista nelle Specifiche tecniche. - DOMANDA 2: Durante l'esecuzione del sopralluogo abbiamo appreso come la transizione verso il "Progetto 4 assi" sia già avviata e che la "Fase 0", da valutare in offerta economica, risulti già oggi obsoleta. Chiediamo dunque, per una valutazione corretta del servizio, maggiori informazioni sulla fase di transizione (quali aree ed in che tempo verranno attivate) e quale sia il perimetro delle attività rientranti nel canone di cui al punto "1.D.1 - Prestazioni 4 assi". - RISPOSTA 2: Questo quesito trova risposta nei seguenti documenti di gara: > Capitolato tecnico_1A Pulizia bus capitolo 1A 1.1 ovvero > Capitolato tecnico_1B Rimesse bus capitolo 1B 1.1 ovvero > Capitolato tecnico_1C Manovra bus capitolo 1C 1.1 Il paragrafo Modalità gestione varianti 4 assi in estrema sintesi dice che AMT, prima dell'inizio dell'appalto, illustrerà al soggetto aggiudicatario le rimesse, nuove rimesse, aree di sosta attive in quel momento; il numero di bus in esse ubicati e le attività che il S.A. dovrà svolgere. Tali attività, come indicato anche al punto 1.D1 Prestazioni 4 ASSI del Modulo offerta economica saranno per ogni sito la totalità o una parte della manovra e della pulizia ordinaria. Dopo ciò il soggetto aggiudicatario calcolerà la proposta di delta costo, così come indicato nella seconda parte del suddetto paragrafo, da sottoporre ad AMT. Tale proposta sarà immediatamente vagliata da AMT e sarà oggetto di una conferma o di una revisione concordata con il soggetto aggiudicatario. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 27/06/2024
    R: Chiarimenti congruità base d'asta e ore minime - DOMANDA: In relazione alle faq del 05 giugno in merito alla costruzione della base d'asta e del monte ore minimo, siamo a formulare le seguenti considerazioni/chiarimenti al fine di poter meglio comprendere le logiche di gara e poter formulare la nostra migliore offerta: 1)Come da FAQ, la base d'asta di 6.017.195,00 comprende anche la quota parte relativa ai 4 ASSI, che in relazione alle ore previste per tale opzione (50.000) ed ai prezzi unitari a base d'asta indicati dall'ente per tali voci, cubano 1.052.500. Di conseguenza concettualmente la base d'asta reale, riferita alla fase ZERO (che come indicato a pag. 10 del Capitolato d'oneri, e nei Capitolati relativi alla Sezione 1, corrisponde alla situazione dei bus distribuiti presso le 5 rimesse tradizionali) corrisponde a 6.017.195 - 1.052.500 = 4.964.695,00. L'importo relativo all'opzione 4 assi non si configura come un importo aggiuntivo di fatturato, ma come un importo sostitutivo di fatturato sulla base della progressiva attivazione di servizi presso nuovi siti/piazzali in virtù della dismissione e/o momentanea chiusura delle rimesse tradizionali alla luce delle importanti trasformazioni che stanno riguardando il settore bus di AMT. Il fatto che sia un importo sostitutivo e non aggiuntivo, è deducibile dalle modalità di fatturazione illustrate sia in Capitolato d'oneri che nei Capitolati specifici per la Sezione 1. Prendiamo ad esempio quanto indicato a pag. 4 del Capitolato Tecnico_1C_Manovra bus in relazione all'attivazione di ore di manovra/accessorie presso i nuovi siti. Se è vero che per tali ore aggiuntive verrà riconosciuto un importo aggiuntivo corrispondente al calcolo ore di manovra previste presso i nuovi siti x costo unitario indicato in Offerta in relazione alla sezione 1.D.1 (4 ASSI), al contempo sarà decurtato dal canone la voce D, importo corrispondente al calcolo ore di manovra ridotte presso il sito tradizionale x costo unitario indicato in Offerta in relazione alla sezione C.1. Di conseguenza ad ogni attivazione di attività legate ai 4 assi, corrisponde una decurtazione del canone ordinario relativo alla quotazione delle rimesse tradizionali dello Stato ZERO, decurtazione che potrebbe anche potenzialmente pareggiare l'incremento. Si pone di seguito un esempio al fine di capire se la Scrivente abbia correttamente compreso la modalità di imputazione dei costi delle attività. Se ad esempio venissero attivate 20.000 ore di manovra relativamente alla voce 1.D.1 4 Assi, e considerando a titolo di esempio che l'aggiudicatario avesse offerto un costo unitario di 19,5 /ora per tale voce di costo, l'importo derivante da aggiungere per la voce 4 ASSI sarebbe 19,5 x 20.000 ore = 390.000. Ma a tale voce dovrà essere sottratta, come indicato nei documenti di gara, la quantificazione economica relativa alla disattivazione delle ore di manovra presso una delle rimesse tradizionali dovuta alla diversa distribuzione logistica degli autobus. Se per la voce di manovra tradizionale 1.C.1 l'aggiudicatario avesse offerto il medesimo costo unitario di 19,5 /ora, risulta palese che l'importo aggiuntivo e l'importo in riduzione andrebbero ad annullarsi reciprocamente. Risulta corretta questa interpretazione? Alla luce di queste considerazioni, è corretto dedurre che la base d'asta di 6.017.195 sia puramente teorica e virtuale, in quanto l'incremento dovuto all'attivazione dei 4 ASSI comporta sempre un decremento di un importo (che estremizzando potrebbe anche essere di analogo valore) relativo alla situazione tradizionale fase ZERO (5 rimesse storiche AMT)? Si chiedono delucidazioni in merito. 2)Il Disciplinare di Gara fissa le ore minime pari a 250.000. Come da FAQ del 5 giugno, in tale montante di ore sono ricomprese le 50.000 ore relative ai 4 ASSI. Il Capitolato del contratto in essere relativo al servizio di pulizia bus, rimesse, manovra, metropolitana, impianti speciali e FGC (quindi esclusa la Sezione 5 che non rientrava nel perimetro della precedente gara indetta nel 2019 ed aggiudicata nel 2020) prevedeva un monte ore anno minimo di 220.607 ore (pag. 5 del Disciplinare GARA CIG 778011305B); tale monte ore minimo vede tra l'altro un riscontro pratico in operatività come da elenco del personale allegato ai documenti di gara. La presente procedura di gara prevede importanti incrementi rispetto alla citata precedente gara, che andiamo di seguito ad elencare con il montante orario associato (sia esso oggettivamente desumibile dai documenti di gara, che da noi ragionevolmente stimato).a)Introduzione in gara della Sezione 5 (Direzione AMT, bagni, biglietteria, magazzino, CRAL, SSE, e altri siti), che comporta presumibilmente un incremento orario pari a circa 11.000 (anche in ragione dell'elenco del personale fornito dall'uscente);b)Importante incremento di frequenza relativamente alla Pulizia dei BUS: l'attività di spolvero viene innalzata a 3 volte a settimana rispetto a 2 volte come nel contratto in essere. Tale incremento prestazionale, che non può assolutamente essere sottovalutato, corrisponde indicativamente ad un incremento di 6.700 ore annue. c)Il presidio 7 giorni su 7 presso le Stazioni della Metropolitana viene innalzato a 11 ore rispetto alle 8 ore previste dalla precedente gara, con un incremento orario oggettivo di 1.092 ore. d)L'attività di manovra e le attività accessorie sono state incrementate come riscontrabile in modo oggettivo nei documenti di gara, con un incremento orario di 3.000 ore. e)Le ore relative alle prestazioni straordinarie a richiesta, alle prestazioni straordinarie urgenti e alle prestazioni a richiesta di attività di disinfestazione sono state aumentate dal nuovo Capitolato (anche in virtù dell'introduzione in gara della Sezione 5, ma non solo), per un incremento orario di 4.620 ore. Tutti questi incrementi prestazionali sopra citati a titolo esemplificativo e non esaustivo (ad esempio non abbiamo citato la modifica dell'attività di pulizia sotto telai e pezzi sciolti che è passata dalla modalità prestazionale -ancorché legata ad un'ampia fascia oraria giornaliera- alla modalità di presidio obbligatorio, con una fascia oraria molto estesa di 11 ore al giorno) portano ad un incremento orario di 26.412 ore. Sommando tale incremento, al monte ore minimo richiesto nella citata gara del 2019 da cui discende il relativo al contratto in essere (220.607 ore), si ottiene un monte ore estrapolato di 247.019. Tale monte ore risulta pressoché coincidente con il monte ore minimo stimato nella presente procedura di gara, pari a 250.000. Ma in quest'ultimo monte ore è appena stato chiarito nelle citate FAQ del 05/06 che sono presenti anche le 50.000 ore legate ai 4 ASSI. Quindi, secondo la FAQ, le 250.000 ore andrebbero così interpretate:200.000 ore minime relative al servizio da Capitolato legato alla fase ZERO (bus allocati presso le 5 tradizionali rimesse AMT) + 50.000 ore a disposizione per l'attivazione dei 4 ASSI. Ma come nell'esempio precedente espresso in termini di fatturato, analoghe considerazioni si possono fare in termini di ore. Se per l'attivazione di 20.000 ore legati ai 4 ASSI, si assisterà ad una decurtazione dal servizio ordinario (fase zero) di un montante orario che potrebbe anche allinearsi alle 20.000 ore. Si pone un esempio al fine di capire se la Scrivente ha interpretato correttamente le nuove logiche di gara, completamente diverse dalle precedenti. Ad esempio: 200.000 ore (servizio ordinario) + 20.000 (attivazione parte di servizio 4 ASSI) 20.000 ore (decurtazione servizio non più svolto presso la rimessa tradizionale in quanto spostato presso un nuovo sito nell'ambito dei 4 assi, nel caso estremizzato di perfetto allineamento di ore aggiunte ed ore decurtate) = 200.000 ore. Di fatti, estremizzando, il servizio -secondo l'impostazione dell'ente- dovrebbe essere svolto con un monte ore minimo reale di 200.000 ore (250.000 ore 50.000 ore dei 4 assi), monte ore che a nostro avviso risulta particolarmente ridotto ed insufficiente rispetto alle esigenze del Nuovo Capitolato di gara che ha apportato importanti incrementi prestazionali rispetto all'attuale conduzione (associabili ad almeno 26.412 ore aggiuntive) legata ad un monte ore minimo da gara del 2019 di ben 220.607 ore/anno. Si chiede gentilmente se la nostra interpretazione suesposta risulti corretta ed eventualmente delucidazioni in merito. 3)Alla luce di quanto indicato ai precedenti punti 1 e 2, siamo a richiedere a codesta spettabile Stazione Appaltante, di chiarire la congruità della Base d'asta indicata in Disciplinare di Gara ed il relativo monte ore minimo associato, per permettere agli Operatori Economici concorrenti di poter formulare un'offerta che sia congrua, sostenibile e che sia al contempo indice di garanzia di un servizio di qualità per AMT. - RISPOSTA: La base di gara è stata determinata analiticamente considerando nel dettaglio le attività richieste nell'ambito del presente affidamento, la cui complessità deriva in grande misura dalla difficoltà di determinare le attività conseguenti alle variazioni logistiche, organizzative e operative derivanti dal cosiddetto Progetto 4 assi. A netto di questa premessa, l'assunto che l'incremento dell'importo dovuto all'attivazione del progetto 4 assi comporti sempre un decremento con riferimento alla situazione "tradizionale" che potrebbe spingersi fino alla completa compensazione dell'incremento stesso di cui al punto 1 del quesito, è chiarita come segue: . l'istituzione di nuove aree di sosta con poche decine di bus si stima che non comporterà alcuna riduzione del valore dell'importo dovuto prima della citata modifica . l'istituzione di nuova rimessa con varie decine di bus con il mantenimento della vecchia rimessa con la presenza di decine di bus residui, si stima comporterà una riduzione del valore dell'importo dovuto prima della citata modifica (per le attività che si continueranno a svolgere nella vecchia rimessa) di circa il 30% . l'istituzione di nuova rimessa con il trasferimento di tutti i bus della vecchia rimessa si stima comporterà una riduzione del valore dell'importo dovuto prima della citata modifica (per le residue attività che si continueranno a svolgere nella vecchia rimessa svuotata) di circa il 75% Richiamata la premessa della presente risposta relativa all'area determinata dalle variazioni logistiche, organizzative, operative ed anche temporali (reale data di attivazione delle successive fasi dello svolgimento del progetto 4 assi) non è oggettivamente possibile trasferire proporzionalmente i dati economici ed orari dell'affidamento in corso alla futura procedura. Codesta Amministrazione nel determinare la base di gara oltre all'impiego di criteri oggettivi, all'analisi dei dati storici, ha necessariamente realizzato valutazioni prudenziali; tutti questi elementi hanno determinato la base di gara che si conferma. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 27/06/2024
    R: Richiesta proroga - DOMANDA: Alla luce della notevole complessità dell'appalto nonché dei sopralluoghi ancora in corso, visti i tempi stretti che non consentono di formulare un'offerta ponderata, rispettosamente si chiede di voler concedere una proroga dei termini previsti per la scadenza della gara. Confidando in un accoglimento favorevole della presente richiesta, ringraziamo e porgiamo cordiali saluti RISPOSTA: Si veda Avviso di proroga. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 27/06/2024
    R: Richiesta di chiarimenti e proroga - DOMANDA 1: In riferimento alla Relazione tecnica descrittiva dei servizi eseguiti negli ultimi 3 anni per servizi analoghi relativi a pulizia mezzi (bus, vetture metrò, vetture funicolari, treni) + manovra bus interna ed esterna, rifornimenti e rabbocchi pari ad un fatturato totale non inferiore a 1.500.000 : - Si chiede cortesemente conferma che i concorrenti che presenteranno la relazione con la descrizione dei servizi svolti, conformi alla richiesta e con fatturato uguale o superiore a 1.500.000, otterranno i 13 punti. - In caso contrario, si chiede cortesemente di chiarire in modo dettagliato, dato l'elevato punteggio associato e la discrezionalità dell'attribuzione, quali elementi concorrono all'ottenimento del punteggio e in che misura. Ad esempio: come viene valutato il servizio relativo a treni rispetto il servizio relativo a bus? Viene considerato anche il numero di Commesse o basta inserire le principali purché si raggiunga quel fatturato? Ottiene un punteggio più alto il concorrente che descrive commesse più complesse ed articolate o il concorrente che porta più referenze? - RISPOSTA 1: Non si conferma. Si ribadisce quanto evidenziato al punto16.d) del disciplinare di gara: il punteggio verrà attribuito in ragione dell'esercizio della discrezionalità spettante alla commissione giudicatrice seguendo la priorità indicata: 1) servizi analoghi relativi a manovra bus interna ed esterna 2) servizi analoghi relativi a pulizia bus 3) servizi analoghi relativi a pulizia vetture metrò, funicolari, treni nella valutazione i parametri di cui si terrà conto saranno quelli già evidenziati al suddetto comma: il grado di complessità del servizio, l'organizzazione impiegata, il numero di mezzi puliti/movimentati/riforniti, le superfici pulite, ed ogni altra indicazione che possa descrivere l'impegno, le soluzioni adottate dalla società appaltatrice, nonché il fatturato. Pertanto, rispondendo alla specificità dei quesiti: sarà valutato in maniera prioritaria il servizio relativo ai bus piuttosto che quello dei treni; sarà considerato anche il numero di commesse, sarà opportuno indicarle tutte, anche oltre 1.500.000; si ribadisce che il giudizio è discrezionale, ovvero verrà formulato prendendo in considerazione sia la complessità, sia il numero di referenze e soprattutto l'analisi comparativa sarà orientata all'intero panorama delle offerte tecniche ricevute, che saranno quindi valutate nella loro totalità secondo i parametri già evidenziati al punto 16.d) del disciplinare di gara. - DOMANDA 2: Con riferimento al documento denominato CAM: Allegato contenente lista prodotti e macchinari conformi ai CAM, chiediamo di confermare che dalle liste dei detergenti conformi ai CAM siano esclusi i seguenti prodotti: . Disinfettanti, insetticidi e rodenticidi . Spray lucida cruscotto, per il quale non sono disponibili sul mercato prodotti di cui sia assicurata la conformità ai CAM - RISPOSTA 2: Si conferma - DOMANDA 3: Nel Disciplinare di gara, nell'elenco che dettaglia i punti da trattare nel documento CAM: "Allegato contenente lista prodotti e macchinari conformi ai CAM", troviamo un riferimento allart.4.9 del Capitolato d'Oneri. Si chiede di confermare che tale rimando sia un refuso (lart.4.9 del Capitolato tratta altri argomenti) e si chiede se è corretto invece far riferimento all'art. 4.10.2 del Capitolato d'oneri. - RISPOSTA 3: Si conferma Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 20/06/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTI - La risposta ai chiarimenti è pubblicata sul portale.
  • Pubblicato il 20/06/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTI - DOMANDA 1: In riferimento ALLEGATO 2 elenco del personale pubblicato, ai fini dell'adempimento relativo alla clausola sociale, si chiede di indicare per ciascun operatore la sede di lavoro ed eventuali benefit e/o riconoscimenti ad personam (ticket, premi, altre indennità,ecc.). - RISPOSTA 1: si ritengono gli elementi forniti essere sufficienti, considerata la presumibile modesta incidenza e la variabilità dei benefit e/o riconoscimenti ad personam. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 19/06/2024
    R: compilazione DGUE - DOMANDA: si fa presente che il sistema espd raggiungibile al link indicato, non riconosce il file e-DGUE request pubblicato sul portale, pertanto non riusciamo a compilare il DGUE. - RISPOSTA: in caso di problemi ad aprire il Dgue, è possibile accedere al servizio di compilazione dei dati direttamente dal link https://appalti.comune.genova.it/m-dgue/ scegliendo l'opzione "Sono un operatore economico" e successivamente l'opzione "Compilare un nuovo DGUE Response partendo dal file DGUE Request (importare il file XML del DGUE fornito dalla Stazione Appaltante per l'appalto di interesse e procedere con la compilazione)".
  • Pubblicato il 19/06/2024
    R: domanda ore di formazione - DOMANDA: In relazione alla FAQ sulla formazione, si chiede la seguente precisazione. Confermate che il costo delle ore di formazione debba essere considerato ai fini della congruità del prezzo? - RISPOSTA: Tutti i costi concorrono alla determinazione del valore offerto e quindi della congruità dell'offerta stessa. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 19/06/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTI - DOMANDA: In riferimento all'attività 5.1.3.3 Scopatura bus ai capilinea da eseguirsi su due capilinea secondo pianificazione aziendale settimanalmente comunicata (anche in caso di maltempo) si chiede di indicare su quali capi linea viene prevista l'attività, il numero/tipologia di mezzi coinvolti ovvero di fornire elementi utili per la quantificazione dell'impegno orario ed il numero di addetti impiegati giornalmente. - RISPOSTA: Ad oggi vi è un unico capolinea, si tratta di piazza Verdi (di fronte alla stazione di Genova Brignole). In quell'area sostano decine di bus di tutte le dimensioni da 7 m a 18 m. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 19/06/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTI - DOMANDA 1: Visti gli impegni richiesti dalla documentazione di gara ad assorbire tutto il personale esistente in appalto e tenuto conto dei Criteri di valutazione dell'offerta tecnica che premiano con 4 punti l'impegno ad assorbire il 100% del personale con impegno orario non inferiore a quello attuale chiediamo: 1.1.se l'elenco del personale fornito ricomprende anche il personale della Sezione 5 in quanto attualmente attività svolte in appalto diverso rispetto alle Sezioni 1-2-3-4.; 1.2. Se l'elenco comprende il personale operante presso eventuali aziende in subappalto; 1.3. Se l'elenco comprende eventuale personale in somministrazione. In caso di risposte affermative chiediamo l'aggiornamento e la ripubblicazione dell'elenco del personale e delle ore contrattuali di ciascun addetto. - RISPOSTA 1: 1.1 L'elenco del personale comprende anche il personale della Sezione 5. 1.2 L'elenco non comprende il personale operante presso eventuali aziende in subappalto. 1.3 L'elenco non comprende personale in somministrazione. Si conferma l'elenco del personale pubblicato. - DOMANDA 2: In riferimento alla Sezione 1 sottosezione A: 2.1. chiediamo di chiarire quale sia lorario di esecuzione della SCOPATURA BUS AL CAPOLINEA. Nella specifica tecnica vengono riportati due diversi orari: dalle 9.30 alle 11.00 (pagina 21) o dalle 9.00 alle 11.00 (scheda pagina 15). 2.2. chiediamo conferma che la pulizia dei pezzi sciolti non sia prevista per la rimessa di Gavette come riportato a pagina 23 della Specifica tecnica. 2.3. Chiediamo di indicare quali depositi siano dotati di tunnel funzionante per il lavaggio esterno dei mezzi e, di conseguenza, in quali dobbiamo effettuare l'attività di pulizia esterno cassa a mano. - RISPOSTA 2: 2.1 Si conferma dalle 9.00 alle 11.00. 2.2 Si conferma. 2.3 Tutti i depositi sono dotati di tunnel funzionante per il lavaggio esterno dei mezzi, eccetto Staglieno e Gavette. - DOMANDA 3: In merito alla Specifica tecnica Sezione 2 sottosezione A) al fine di una corretta pianificazione e valorizzazione economica: 3.1. Chiediamo per i servizi da svolgere in aree difficili (2-A 1.6 pag. 10-12) la quantificazione delle superfici oggetto del servizio. In particolare, evidenziamo come esempio le pulizie delle vetrate di Brignole, Piazza Sarzano, San Giorgio ecc. In quanto difficilmente desumibili dalle planimetrie fornite e quantificabili durante il sopralluogo. 3.2. Chiediamo una quantificazione delle aree prospicienti e delle aree verdi definite nella specifica tecnica Sezione 2 sottosezione A pag.8 e 9. 3.3. Chiediamo maggior dettaglio di informazioni circa le aree da quotare nella Sezione 2 sottosezione A. In particolare, non troviamo corrispondenza fra le aree riportate nella specifica tecnica e allegati ed il modulo di offerta economica. A titolo di esempio viene richiesta la pulizia annuale della Camera di ventilazione presso il cimitero di Castagna e aree limitrofe senza trovare riscontro nel modulo di offerta economica. Analogamente anche il taglio dell'erba ed arbusti presso il Cimitero Castagna dei quali non abbiamo le superfici. 3.4. Chiediamo conferma che quando nella documentazione di gara si parla del Nuovo deposito di Brin in realtà si tratta del Nuovo deposito di Dinegro. - RISPOSTA 3: 3.1 La quantificazione delle superfici delle aree difficili 2-A1.6 della Sezione 2- Sottosezione A) è così ripartita: Stazione Brignole: vetrata copertura esterna mq. 60, vetri ascensori nr 1 e 2 mq 30 e tronchino inversione mq 450, Stazione De Ferrari: controsoffitto mq 250, Stazione Sarzano: vetrate ascensori interne ed esterne (nr 3) e copertura mq 110, Stazione San Giorgio: vetrate esterne ed interne copertura atrio e scale mobili mq 340 e rivestimento scocca banchina e vetri ammezzato lato binario mq 300, Stazione Darsena: scocca rivestimento ammezzato e banchina mq 800, Stazione Principe: vetri atrio stazione mq 220 e scocca rivestimento ammezzato e banchina mq 680, Stazione Brin: copertura atrio mq 120, vetri scocca e scale esterni mq 800, vetri interni mq 320 e vetri scocca interni mq 320, 3.2 La quantificazione delle superfici delle aree prospicenti 2-A1.4 della Sezione 2- Sottosezione A) è così ripartita: Stazione Brin: aree zone prospicenti totali mq 140, Stazione Dinegro: aree zone prospicenti totali mq 140, Deposito: aree zone prospicenti totali mq 620, Officina vecchia: aree zone prospicenti totali mq 210, Stazione Principe: aree zone prospicenti totali mq 220, Stazione Darsena: aree zone prospicenti totali mq 70, Stazione San Giorgio: aree zone prospicenti totali mq 180, Stazione Sarzano: aree zone prospicenti totali mq 75, Stazione De Ferrari: aree zone prospicenti totali mq 40, Stazione Brignole: aree zone prospicenti totali mq 140, 3.3 Le aree prospicienti e le aree difficili (descritte in specifica tecnica) sono già inclusi ed inglobati nelle aree aperte al pubblico e aree non aperte al pubblico del Modulo Offerta economica a pagg.9/10. La sezione 2-A) 1.5 Aree Verdi non sono oggetto né di pulizia né di taglio erba. Si tratta di refuso. 3.4 Si conferma nuovo deposito di Dinegro. - DOMANDA 4:Nella specifica tecnica 2 sottosezione B, in merito ai dati di pagina 4: 4.1. Chiediamo che cosa si intenda con la dicitura cartellini di punta e cartellini morbida? 4.2. Chiediamo che venga esplicitata la durata del periodo invernale/estivo e se le fasi indicate rappresentino in realtà i periodi invernali, estivo, agostile. - RISPOSTA 4: 4.1 Cartellini di punta (servizio massimo) si effettuano indicativamente dalle 06:30 alle 10:00 e dalle 16:30 alle 20:00. Cartellini di morbida (servizio standard) in tutte le altre fasce orarie. 4.2 Periodo invernale indicativamente dal 15/9 al 15/6 dell'anno successivo. Periodo estivo indicativamente dal 15/6 al 15/9. All'interno del periodo estivo è compreso il mese di agosto che prevede una lieve diminuzione di servizio come si evince da Tab 1-4 Estivo 2° fase. - DOMANDA 5: In riferimento alla specifica tecnica 3A, a pagina 4: 5.1.Si chiede conferma che le prescrizioni sotto riportate siano riferite alle funicolari e non agli ascensori: LE PULIZIE NELLE AREE APERTE AL PUBBLICO DEVONO ESSERE ESEGUITE IN ORARI NON INTERFERENTI CON IL MASSIMO AFFLUSSO AGLI IMPIANTI, IN PARTICOLARE: Le pulizie negli impianti funicolari devono essere effettuate nei seguenti orari: Righi: dalle 5.45 alle 6.20Montegalletto: 6.15-6.45S. Anna: 6.20-6.45Le pulizie in tutti gli altri impianti NON DEVONO essere effettuate nei seguenti orari:7.00-9.0012.00-14.0017.00-20.00. 5.2. Si chiede conferma che nelle prescrizioni sopra riportate la dicitura Montegalletto sia un refuso e che in realtà si intenda ferrovia a cremagliera Principe Granarolo". 5.3. Si evidenzia che gli orari di intervento riportati nella prescrizione sopra riportata NON sono coerenti con quelli riportati a pagina 15 punto 2.2.2 prestazioni giornaliere "pulizie delle funicolari dove viene indicato come orario per le pulizie giornaliere dalle 6.00 alle 13.00. Di conseguenza si chiede rettificare i documenti di gara e di indicare un'unica fascia oraria. - RISPOSTA 5: 5.1 la dicitura riportata a pag.4 è correttamente attribuita sia agli ascensori che alle funicolari, in quanto fa riferimento alle attività di pulizia da operare in aree aperte al pubblico, da eseguirsi in orario non interferente con afflusso di pubblico. Al punto 2.1.1, Tabella 2-1 Riassuntivo Servizi Ascensori a pag. 9, è riportato uno schema riassuntivo di tutte le operazioni e i servizi richiesti per gli ASCENSORI. Le attività da svolgersi in orario 6-13 Lun-ven con frequenza 5 volte/settimana si riferisce alle sole attività di pulizia che non interferiscono con il flusso del pubblico, quindi in locali non aperti al pubblico: lavaggio servizi igienici e spogliatoio, svuotamento cestini, fornitura e ricarica apparecchiature igieniche. 5.2 Si conferma, la dicitura Montegalletto a pag.4 è da recepire come un refuso, si deve intendere Ferrovia a Cremagliera Principe Granarolo. Mentre l'ascensore di Montegalletto equivale all'ascensore Via Balbi Corso Dogali. 5.3 vale lo stesso principio della risposta 5.1. Gli orari riportati nella prescrizione sopra riportata di pag.4 della specifica tecnica sono allineati con quelli indicati in Tabella 2-2 Riassuntivo Servizi Stazioni riportata a pag.14. - DOMANDA 6: In riferimento alla Sezione 5: 6.1. Nel capitolo 4.1.2 prestazioni giornaliere, al punto 4 vengono richiesti 2 passaggi di pulizia degli spogliatoi. Si chiede di sapere la consistenza in mq dell'area oggetto di intervento. 6.2. La prestazione presso il CMP è annuale come da pg.20 oppure giornaliera 5vt a settimana come da tabella di pag15? RICHIESTA DI PROROGA Visti i numerosi quesiti posti, la complessità del servizio e la breve durata dell'appalto che impone rigorose valutazioni in merito agli investimenti da fare, siamo con la presente a richiedere una congrua proroga del termine di consegna fissato per il giorno 18/06/2024 ore 12.00. - RISPOSTA 6: 6.1 L'area soggetta ad intervento è pari a 240 MQ. 6.2 La prestazione presso il CMP è 5 volte alla settimana come da tabella Schema riassuntivo delle attività a pag. 15 della Specifica tecnica Sezione 5 Sottosezione A. RICHIESTA DI PROROGA: si veda Avviso di proroga dei termini pubblicato in data 10.06.2024. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 13/06/2024
    R: richiesta chiarimento - DOMANDA: In ottemperanza a quanto richiesto nel disciplinare inerente il possesso della certificazione ASSE.CO, siamo a chiedere conferma che tale certificazione può essere comprovata attraverso il possesso del Durc. Ciò favorirebbe una più amplia partecipazione degli operatori economici. - RISPOSTA: si prenda visione dei precedenti chiarimenti pubblicati un data 28/05 e 5/06, precisando che il possesso della certificazione ASSE.CO non è un requisito di partecipazione, ma un criterio di valutazione con l'attribuzione di 2 punti.
  • Pubblicato il 13/06/2024
    PRECISAZIONE SOPRALLUOGO - Si precisa che il sopralluogo è raccomandato ma non obbligatorio e non rappresenta causa di esclusione. Si sottolinea che la mancata partecipazione al sopralluogo non comporta la rinuncia automatica alla partecipazione alla procedura di gara. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTI - DOMANDA: si chiede come mai è fatta richiesta della certificazione asse.co, considerata l'obbligatorietà del DURC e del rispetto della normativa in termini di contribuzione e retribuzione. Tale richiesta ci sembra un pò lesiva del principio di massima concorrenza. - RISPOSTA: si prenda visione delle precedenti risposte a quesiti analoghi, pubblicate in data 28/05 e 05/06.
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: Richiesta di proroga del termine di presentazione delle offerte - DOMANDA: Si desidera sottoporre alla Vostra attenzione una richiesta di proroga del termine di presentazione delle offerte attualmente fissato per il giorno 18 giugno 2024. A seguito dell'introduzione del nuovo codice degli appalti, abbiamo riscontrato un periodo iniziale di rallentamento nell'uscita delle gare. Tuttavia, recentemente sono stati pubblicati numerosi bandi di gara, tra cui quello in oggetto. Nello specifico, desideriamo sottolineare che la mole di gare attualmente in corso, rende il tempo disponibile per la preparazione e presentazione dell'offerta estremamente limitato. Al fine di favorire la massima partecipazione e garantire un ampio confronto concorrenziale, chiediamo cortesemente una proroga del termine di presentazione delle offerte. Tale richiesta è motivata dall'interesse di favorire la partecipazione più ampia possibile degli operatori economici, consentendo loro di predisporre offerte di alta qualità e conformi a tutte le prescrizioni del bando. Siamo convinti che una proroga del termine possa contribuire a migliorare il livello di competizione e a garantire una maggiore trasparenza e qualità nelle offerte ricevute. Confidando nella vostra comprensione e nella volontà di favorire una partecipazione ampia e qualificata, restiamo in attesa di un vostro cortese riscontro. - RISPOSTA: Si veda l'Avviso di proroga dei termini pubblicato il 10.06.2024. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: chiarimento criterio tecnico 9.3 - DOMANDA: Con la presente si formula il seguente chiarimento. Confermate che la certificazione richiesta nel criterio tecnico 9.3 sia da intendersi la 45001, che ha sostituito la 18001? - RISPOSTA: Si conferma. La norma ISO 45001:2018 sostituisce la precedente BS OHSAS 18001. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: chiarimento numero ispezioni - DOMANDA: In relazione al criterio di valutazione tecnica 4.2 "numero ispezioni a campione/controlli all'anno si propone di effettuare da parte di Ente Terzo Accreditato", al fine di permettere il corretto confronto tra le Ditte, si chiede di specificare meglio l'oggetto e l'estensione di una ispezione. Corretto interpretare che per n. 1 ispezione, si debba intendere un controllo effettuato a campione "contemporaneamente" su un autobus, su una rimessa, su un'attività di manovra, su una metropolitana, su un sito della FGC, su un sito di impianto speciale, e sulla Direzione AMT e/o altro sito rientrante nella sezione 5? - RISPOSTA: Si conferma l'interpretazione. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: chiarimento piano formativo - DOMANDA: In relazione al criterio tecnico 1.2 Programma della Formazione professionale, nel documento Allegato 1 Schema di presentazione della Relazione Tecnica-descrittiva, viene indicato descrivere il programma formativo sul biennio dedicato al personale, ecc. Si chiede se la parola biennio sia un mero refuso, in quanto l'appalto in oggetto ha durata annuale. - RISPOSTA: Si conferma. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: Richiesta di chiarimenti tecnici - DOMANDA: Relativamente alla Sezione 4 Ferrovia Genova Casella, a pag. 23 e 24 vengono indicati una serie di servizi con frequenza settimanale, mensile ed annuale. Per ognuna di queste frequenze, il Capitolato riporta la dicitura l'intervento deve essere effettuato di martedì e sabato di ogni settimana. Si chiede conferma che tale dicitura sia un refuso in quanto in contrasto con le frequenze previste dal Capitolato nei rispettivi articoli. - RISPOSTA: Si conferma che tale dicitura è un refuso, si faccia riferimento alla tabella Riassunto Servizi Richiesti 4 A) 3.5 CASELLA (E) a pag. 22 della specifica tecnica. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTI - DOMANDA: Con riferimento al requisito di cui al paragrafo 6.1 lettera c) del disciplinare di gara, considerata l'obbligatorietà della clausola sociale, si chiede se tra il personale attualmente operante ci sono lavoratori con l'abilitazione per i lavori in quota e l'utilizzo delle piattaforme elevabili. In tal caso, posto che l'impresa è tenuta ad assumere prioritariamente il personale oggetto di clausola sociale, si chiede se, per soddisfare il requisito, sia possibile impegnarsi a rinnovare le abilitazioni già in possesso del personale operante, che attualmente svolge già sicuramente tali attività. - RISPOSTA: Si conferma la presenza di personale operante in possesso di abilitazioni per i lavori in quota. Relativamente al requisito di cui all'art. 6.2.c), lo stesso si intende soddisfatto attraverso una dichiarazione in cui si attesti che si impiega un numero di lavoratori sufficiente a garantire la sicurezza e la continuità delle attività, in possesso di abilitazioni in corso di validità per i lavori in quota e in possesso di abilitazione all'utilizzo di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE), in corso di validità. Si precisa che, altresì, potrà essere soddisfatto attraverso la presentazione di un'autodichiarazione di impegno a rinnovare le abilitazioni già in possesso del personale in esercizio. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 12/06/2024
    R: Richiesta chiarimenti gara CIG B1A3767E49 - DOMANDA 1: Ai fini della corretta predisposizione dell'offerta si chiede di conoscere la data presunta di inizio servizio. - RISPOSTA 1: A norma dell'articolo 17, comma 3, del codice le gare di appalto e di concessione una procedura aperta, ove venga utilizzato il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa basato sul miglior rapporto tra qualità e prezzo, si conclude nei seguenti termini massimi: nove mesi; tuttavia è auspicabile un inizio del servizio entro la fine del corrente anno. - DOMANDA 2: Considerando che le precedenti procedure di gara indette per il servizio in oggetto presentavano durate contrattuali superiori, stante il notevole investimento economico ed organizzativo che l'esecuzione di un servizio di tale portata richiede, si chiedono le motivazioni per le quali la Stazione Appaltante ha fissato nella presente procedura di gara la durata del servizio pari ad un solo anno. - RISPOSTA 2: La motivazione risiede in via principale nella variabilità del servizio in funzione delle modifiche logistiche ed organizzative che discendono dallo sviluppo del progetto Quattro Assi. - DOMANDA 3: In relazione al criterio tecnico 7 Esecuzione negli ultimi 3 anni di servizi analoghi relativi a pulizia mezzi ecc., introdotto dalla Stazione Appaltante ragionevolmente per valutare la concreta, reale e diretta esperienza degli Operatori Economici partecipanti alla procedura di gara in oggetto, confermate che in caso di partecipazione di un Consorzio, il punteggio discrezionale verrà assegnato all'operatore economico solo se l'esecutore dell'appalto, sia esso il consorzio stesso o una preaffidataria, corrisponde al conduttore del contratto usato come referenza? - RISPOSTA 3: Si prenda visione della precedente risposta ad analogo quesito pubblicata il 5/06. - DOMANDA 4: In relazione alle ore minime indicate in Disciplinare pare a 250.000 ore, e ai criteri tecnici relativi ai Piani di Lavoro per le diverse sezioni (criterio 2.1, 2.2, 2.3, 2.4) si chiede se un'offerta di un monte ore superiore a quello stimato dalla Stazione Appaltante come minimo porti ad ottenere un punteggio superiore rispetto ad un concorrente che offre il monte ore minimo previsto nei documenti di gara. - RISPOSTA 4: No, non attribuisce un punteggio superiore. - DOMANDA 5: In relazione al criterio quantitativo 1.3 indicare il numero di ore complessive annuali dedicate alla formazione, si chiede conferma che non siano ammesse ore di formazione durante le ore di lavoro (cosiddetta formazione on-the job). - RISPOSTA 5: Si conferma. - DOMANDA 6: In relazione al criterio quantitativo 1.3 indicare il numero di ore complessive annuali dedicate alla formazione, si chiede conferma che le ore da indicare in offerta siano ore di formazione svolte in aula e/o in modalità e-learning pagate al personale dal Datore di Lavoro, e che pertanto debbano essere contabilizzate economicamente all'interno dell'offerta economica. - RISPOSTA 6: Le ore di formazione devono essere svolte in aula e/o in modalità e-learning, a distanza, ma assolutamente a pagamento e a carico del Soggetto aggiudicatario, e non necessariamente debbono essere contabilizzate all'interno dell'offerta economica. - DOMANDA 7: In relazione al criterio quantitativo 4.2 numero di ispezioni a campione/controlli all'anno effettuati da Ente Terzo certificato, al fine di evitare distorsioni delle offerte dovute alla proposta di numero di ispezioni del tutto insostenibili ed irrealizzabili, si chiede se la Stazione Appaltante abbia fissato un limite massimo di Ispezioni accettabili oltre il quale non saranno conteggiate ai fini della formula matematica di attribuzione del punteggio. - RISPOSTA 7: Si precisa che viene fissato un tetto massimo limite di ispezioni pari a n.4/annue. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 10/06/2024
    R: Allegato -MOD-Dichiarazione sostitutiva STATO FAMIGLIA - DOMANDA: si chiede di confermare che in sostituzione dell'Allegato -MOD-Dichiarazione sostitutiva STATO FAMIGLIA , può essere prodotta l'iscrizione nella white-list, da allegare in copia conforme nella busta amministrativa. - RISPOSTA: si conferma.
  • Pubblicato il 10/06/2024
    AVVISO DI PROROGA TERMINI - Si informa che, con determinazione dirigenziale n. 3080 e relativo Avviso, pubblicati sul portale, è stata disposta la proroga termini di scadenza.
  • Pubblicato il 05/06/2024
    R: domanda ore minime - DOMANDA 1: A pag. 6 del Disciplinare di gara viene indicato che le ore per lo svolgimento del servizio non potranno essere inferiori a n. 250.000/all'anno. Si chiede conferma che tali ore siano da intendersi come ore minime lavorate a pena di esclusione. - RISPOSTA 1: Si conferma per quanto riguarda le ore minime. Si ricorda, comunque il principio di tassatività delle cause di esclusione. DOMANDA 2: In riferimento al monte ore minimo di 250.000/anno si chiede conferma che nella suddetta quantità siano comprese le ore già stimate dalla Stazione Appaltante nei documenti di gara e nel Modello di Offerta economica relativamente ai servizi a richiesta. RISPOSTA 2: Si conferma. - DOMANDA 3: In riferimento al monte ore minimo di 250.000/anno si chiede conferma che nella suddetta quantità siano comprese le ore già stimate dalla Stazione Appaltante pari a 50.000 ore/anno (35.000 di manovra + 15.000 di pulizia) relativamente alle Prestazioni 4 assi come riportato a pag. 7 del Modello di Offerta Economica. - RISPOSTA 3: Si conferma. IL RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 05/06/2024
    R: Chiarimento base d'asta - DOMANDA: Alla luce delle modalità di compilazione dell'offerta Economica ed in particolare alla tabella riepilogativa della Sezione 1 presente a pag. 8 del Modello di Offerta Economica, si chiede conferma che nella base d'asta di 6.017.195 sia compreso il valore economico generato dalle Prestazioni 4 assi ricavabile dalla tabella a pag. 7 del citato Modello (21,5 /ora x 35.000 ore + 20 /ora x 15.000 ore = 1.052.500 /anno). - RISPOSTA: Si conferma. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 05/06/2024
    R: Richiesta chiarimenti - DOMANDA: In riferimento al criterio di valutazione 7.1, chiediamo conferma che, ai fini dell'attribuzione del punteggio, siano considerati validi sia i servizi di servizio di pulizia, rifornimento e manovra dei bus, sia servizi di pulizia rotabili e impianti industriali. - RISPOSTA: Si conferma limitatamente alla pulizia dei rotabili. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 05/06/2024
    R: Chiarimento copertina e indice - DOMANDA: Con la presente siamo a richiedere relativamente alla redazione dell'offerta tecnica, se copertina e indice rientrino nelle 100 facciate. Analoga domanda per le 30 facciate relative al criterio 7.1. - RISPOSTA: Copertina e indice non sono incluse. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 05/06/2024
    R: Richiesta chiarimenti - Criterio OT n. 7.1 - DOMANDA: In riferimento al Criterio n. 7.1 dell'OT (Esecuzione di servizi analoghi), con la presente si chiede se, in caso di partecipazione in RTI costituendo, i servizi richiesti debbano essere posseduti da tutte le imprese partecipanti al RTI oppure se sia sufficiente il possesso da parte di una di esse. - RISPOSTA: Premesso che il criterio n. 7.1 dell'Offerta tecnica Buon esito opzionale, è un criterio premiante e non un requisito di ammissione obbligatorio, si precisa che, in caso di partecipazione in RTI costituendo, il criterio può essere soddisfatto in modo cumulativo e i servizi richiesti possono essere posseduti anche eventualmente da uno solo dei componenti dell'RTI e non necessariamente dalla mandataria. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 05/06/2024
    R: Richiesta di chiarimento sul criterio premiante relativo alla certificazione ASSE.CO - DOMANDA: Con riferimento al criterio premiante relativo al possesso della certificazione ASSE.CO, desideriamo formulare la seguente richiesta di chiarimento. La certificazione ASSE.CO certifica la regolarità contributiva delle imprese e promuove la cultura della legalità. A tale proposito, pacifico che queste circostanze possano essere comprovate anche attraverso: 1) Il possesso di un Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) in corso di validità. 2) Il possesso di un rating di legalità pari a 3 stelle rilasciato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM). Considerando il principio del favor partecipationis, volto a incentivare la massima partecipazione alle gare, chiediamo gentilmente di confermare se tali documenti possono essere considerati alternativi e validi ai fini del soddisfacimento del criterio premiante in questione. - RISPOSTA: Si ribadisce che il punteggio verrà attribuito esclusivamente in presenza di certificazione Asse.co in corso di validità. Per maggiori informazioni sulla certificazione Asse.co si rinvia al link https://www.assecocert.it/. Ciò in applicazione di un protocollo di intesa firmato dal Comune.
  • Pubblicato il 05/06/2024
    R: Richiesta di chiarimenti tecnici - DOMANDA 1: Confermate che non siano previste spese di pubblicità da rimborsare alla Stazione Appaltante? - RISPOSTA 1: Si conferma. - DOMANDA 2: Confermate che nel documento Relazione tecnico-descrittiva, di cui alla lettera a) dell'art. 16 del Disciplinare, siano da inserire solamente i criteri tecnici dall'1 al 6, come riportato nel documento di gara Allegato 1 Schema di presentazione della Relazione Tecnica-Descrittiva, mentre gli altri criteri siano da riportate nei relativi documenti associati di cui alle lettere b), c) e d) di cui all'art. 16 del Disciplinare di Gara (pagg 27 e 28)? RISPOSTA 2: Si conferma. - DOMANDA 3: Relativamente alla sezione 3 Impianti Speciali, nel Capitolato Tecnico a pag. 4 vengono indicati in n.12 ascensori oggetto di appalto. Tale n. 12 ascensori viene inoltre ripreso nella tabella presente nel Modello Offerta Economica a pag. 14. Tuttavia nella tabella presente in Capitolato Tecnico a pag. 6 compaiono anche l'Ascensore e la Piattaforma elevatrice di Bolzaneto. Si chiedono se suddetti impianti siano oggetto di servizio. - RISPOSTA 3: Il servizio presso i suddetti impianti Ascensore e piattaforma elevatrice Bolzaneto- Ponte San Francesco di cui alla tabella riassuntiva a pag. 6 della Specifica Tecnica Impianti Speciali - Sezione 3- sottosezione A, sarà soddisfatto attraverso ore a chiamata e non dovrà essere quotato nel modello Offerta economica. Il RUP Tiziana Figone
  • Pubblicato il 28/05/2024
    R: chiarimento amministrativo - DOMANDA: 1) All'art. 15 del Disciplinare di Gara sono elencati i documenti e le dichiarazioni da inserire nella busta amministrativa. Tra la documentazione di gara è presente il modello Allegato-MOD-Dichiarazione sostitutiva STATO di FAMIGLIA, che non è presente invece nell'elenco di cui all'art. 15. Confermate che tale Dichiarazione non sia da produrre in sede di offerta, ma che sia richiesta solamente all'aggiudicatario? - RISPOSTA: Non è richiesto obbligatoriamente l'inserimento del modello, ma solo al fine di accelerare la procedura di gara in fase di controlli.
  • Pubblicato il 28/05/2024
    R: Richiesta di chiarimento sul criterio premiante relativo alla certificazione ASSE.CO - DOMANDA: con riferimento al criterio premiante relativo al possesso della certificazione ASSE.CO, desideriamo formulare la seguente richiesta di chiarimento. La certificazione ASSE.CO certifica la regolarità contributiva delle imprese e promuove la cultura della legalità. A tale proposito, è pacifico che queste circostanze possano essere comprovate anche attraverso: 1) Il possesso di un Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) in corso di validità. 2) Il possesso di un rating di legalità pari a 3 stelle rilasciato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM). Considerando il principio del favor partecipationis, volto a incentivare la massima partecipazione alle gare, chiediamo gentilmente di confermare se tali documenti possono essere considerati alternativi e validi ai fini del soddisfacimento del criterio premiante in questione. - RISPOSTA: Non si conferma. Il punteggio verrà attribuito esclusivamente in presenza di certificazione Asse.co in corso di validità. Per maggiori informazioni sulla certificazione Asse.co si rinvia al link https://www.assecocert.it/
  • Pubblicato il 24/05/2024
    R: RICHIESTA CHIARIMENTO - DOMANDA: in relazione al criterio c) dell'offerta tecnica, ed in particolare al "Possesso certificazione ASSE.CO", si chiede conferma che in caso di partecipazione in RTI costituendo, sia sufficiente che, per l'ottenimento del punteggio, tale certificazione sia posseduta da una delle imprese facente parte il raggruppamento. - RISPOSTA: si conferma.
  • Pubblicato il 20/05/2024
    R: GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA TELEMATICA PER LAFFIDAMENTO DI CONTRATTI PUBBLICI DI SERVIZI DI PULIZIA AUTOBUS E MANOVRA, PULIZIA RIMESSE, METROPOLITANA, FERROVIA GENOVA CASELLA, IMPIANTI DI RISALITA, UFFICI DIREZIONE, BIGLIETTERIE, CRAL, MAGAZZINO CENTRALE, CHIOSCHI, SOTTOSTAZIONI FILOVIARIE E - DOMANDA: in riferimento al punto 6.2 c) del disciplinare, circa il possesso di un numero di lavoratori abilitati per i lavori in quota e l'utilizzo di piattaforme di lavoro mobili elevati, siamo a chiedere se tale requisito possa essere soddisfatto dichiarandone il subappalto. - RISPOSTA: Si conferma, di conseguenza nella documentazione di gara indicare che l'attività sarà subappaltata. IL RUP Tiziana FIGONE
  • Pubblicato il 15/05/2024
    R: Richiesta di chiarimento - DOMANDA 1: si richiede, relativamente alla redazione dell'offerta tecnica, se per 50 pagine (F/R) sia da intendersi 100 facciate. -RISPOSTA: si conferma. DOMANDA 2: Analoga domanda per le 15 pagine (F/R) relative al criterio 7.1. -RISPOSTA: si conferma. IL RUP: Tiziana FIGONE

[ Torna all'inizio ]